Area personale
fare clic per attivare lo zoom
Caricamento mappe
Nessun risultato trovato
apri mappa
Vedi Roadmap Satellite Hybrid Terrain La mia posizione Schermo intero
Ricerca Avanzata
Altre opzioni di ricerca
Abbiamo trovato 0 risultati. Vuoi caricare i risultati ora?
Ricerca Avanzata
Altre opzioni di ricerca
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Cerchi una casa in affitto? I nostri consigli su come sceglierla

Postato da fincasa on 21 luglio 2015
| 0

Decidere di affittare una casa piuttosto che cercare immobili in vendita significa impegnarsi nel passare in rassegna tutti gli stessi immobili in affitto che sembrano avere i requisiti che cerchiamo. Ci vuole quindi tempo, energie, occhio analitico, esperienza nei trend del mercato per capire le potenzialità di una casa in affitto.
È sempre comodo e molto più pratico affidarsi ad un’agenzia immobiliare che possa darvi buoni consigli sulla scelta, indicazioni preziose, la sicurezza di avere trovato davvero quello che fa al caso vostro e senza brutte sorprese. Lo stesso vale per la vendita degli immobili.
Affittare immobili invece vuol dire non avere l’incombenza delle rate del mutuo ma è naturale che bisogna trovare il giusto compromesso di spesa tra affitto e acquisto.
C’è anche il vantaggio di poterla scegliere già arredata con minore aggravio rispetto a faticosi traslochi e anche per evitare spese per l’arredo.
Sono tutti punti a favore della scelta di vivere in affitto che richiedono dei criteri di valutazione importanti, a cominciare dal tipo di contratto tra il conduttore (chi prende in affitto l’immobile) e il proprietario.
Diverse sono le forme (brevi o lunghe) che possono andare incontro alle varie esigenze: per studenti, per turismo, per lunghi periodi. In quest’ultimo caso si può stipulare la forma di contratto detto “a canone libero” che di solito dura 4 anni più altri 4 rinnovabili automaticamente e previo accordo tra le parti naturalmente. C’è anche quello transitorio per studenti (dai 6 mesi a 3 anni) e quello “a canone concordato” (da 1 mese a un anno e mezzo) che beneficia di agevolazioni fiscali.
Le spese, sia della registrazione del contratto che quelle per il rinnovo che avviene annualmente, vanno divise a metà.
Quando la ricerca di una casa in affitto viene affidata all’agenzia immobiliare, viene stipulato un contratto di mediazione che stabilisce la quota da pagare per il servizio di consulenza, che dovrà essere corrisposta comunque, anche se l’immobile in affitto non viene reperito.
Bisogna ricordare che le “caparre” cioé le mensilità anticipate di affitto a garanzia, per legge non possono essere più di 3 e, al termine del contratto, il proprietario è tenuto a restituirle con gli interessi maturati, fermo restando che l’immobile deve essere riconsegnato integro ed esattamente come era all’inizio.
Per questo fa fede il “verbale di consegna” che viene stipulato appunto alla consegna delle chiavi e controfirmato da entrambe le parti, dove vengono anche riportate le prestazioni energetiche obbligatorie e l’elenco del mobilio, ove presente. Si tratta di un documento importante, insieme al controllo delle precedenti bollette di tutte le utenze presenti, per verificare che siano state regolarmente pagate.
Un caso a parte è il pagamento della tassa sulla spazzatura. Il conduttore deve chiarire che pagherà dalla data in cui entra nell’immobile, in quanto le bollette che arrivano fanno sempre riferimento all’anno o al semestre precedente (a seconda della regolamentazione del comune).
Riguardo alle normative per le tasse sulla casa (la Tasi) il proprietario è tenuto a illustrare la visura catastale sulla quale è riportata la rendita, in base alal quale viene formulato il pagamento di questa imposta, che deve essere diviso in proporzione tra le parti.
Nei casi di contratto transitorio che può durare fino a un massimo di 3 anni, valgono gli stessi consigli e la stessa documentazione. C’è soltanto una piccola differenza da tenere presente e che riguarda l’importo del canone di affitto, che ha un tetto massimo deciso su base territoriale.
E’ proprio qui che è preziosa la consulenza e l’esperienza di un’agenzia immobiliare, che vale anche nel caso di compravendita di immobili, soprattutto se volete comprare casa più che venderla.
L’agenzia quindi vi affiancherà anche se siete alla ricerca di case in vendita e nelle varie fasi dell’acquisto di un immobile. Anche la compravendita immobiliare necessita di consulenze specializzate, che possono difendervi da amare delusioni.